Corriere. Un'edizione speciale dedicata al Premio

Per ecelebrare adeguatamente il traguardo dei 10 anni raggiunti dal Premio di Laurea Acat Italia, ACAT ha deciso di pubblicare un'edizione speciale del Corriere interamente realizzata grazie ai contributi inviati dai partecipanti all'edizione del 2019. Ringraziamo dunque tutti coloro che, accettando il nostro invito, hanno voluto contribuire a diffondere i principi e i valori contenuti all'interno della Dichiarazione universale dei diritti umani attraverso un accurato lavoro di ricerca e documentazione.

Premessa di Massimo Corti, presidente di ACAT Italia
Il premio di Laurea ACAT Italia, un Premio per fermare la tortura e per i diritti dei migranti è giunto ormai alla sua decima edizione, grazie al prezioso contributo dell’Otto per mille della Chiesa Valdese.
Per celebrarla adeguatamente abbiamo deciso di offrire, ai partecipanti all’edizione del 2019 la giusta visibilità al lavoro di ricerca e documentazione da loro svolto nell’ambito del percorso di studi effettuato. Siamo infatti persuasi, che, a prescindere dall’aver meritato o meno il Premio da parte della nostra Commissione giudicatrice, ognuno di questi lavori, come anche quelli degli anni precedenti, meriti di essere conosciuto e apprezzato al di fuori del solo ambito accademico, in particolare in un momento in cui, i diritti umani sono oggetto di feroci attacchi da parte dei soggetti più vari.
 
Confidiamo nel fatto che ognuno di questi giovani continuerà, nella vita di tutti i giorni, e nella professione che deciderà di intraprendere, a difendere strenuamente i principi sanciti nella Dichiarazione Universale dei diritti umani portandone alta la bandiera.
 
Come ACAT Italia cogliamo l’occasione per ringraziare ancora una volta tutti coloro che hanno reso possibile questo progetto: la Commissione giudicatrice con i suoi membri Alessandro Monti, Mauro Palma e Giuseppe Dalla Torre, i collaboratori e i volontari di ACAT, l’Otto per mille della Chiesa Valdese e tutte le ragazze e i ragazzi che in questi anni hanno fatto si che il Premio continuasse a crescere.
 
 
 
Condividi
 

Tags