Novembre 2014: Colombia-Azerbaijan

COLOMBIA: violenze in carcere – condizioni disperate
Hosman Polo Carrillo, detenuto di diritto comune, è rinchiuso nella prigione di alta sicurezza La Tramacua a Valledupar (dipartimento di César, al nord). Soffre dì disturbi psicologici gravi senza alcuna cura. Le guardie lo perseguitano e lo violentano costantemente senza che nessuno li fermi.


Hosman Polo Carrillo è stato condannato quando aveva 17 anni a 29 anni e sei mesi di prigione. Le condizioni di prigione molto dure, le punizioni ingiustificate e i maltrattamenti ripetuti hanno aggravato i suoi problemi psichici, ha tentato due volte il suicidio durante le crisi schizofreniche.

La sua malattia è stata ufficialmente diagnosticata il primo marzo 2011. Da quel momento è stato torturato almeno tre volte. Nel maggio 2011, cinque guardie l’hanno bastonato e hanno gettato una bomba di gas lacrimogeno nella sua cella.
Nel gennaio 2013, un capo guardia lo ha colpito ferendolo gravemente; ancora il 20 dicembre 2013, come rappresaglia per una crisi, delle guardie lo hanno colpito con calci e pugni, gli hanno dato scariche elettriche nei testicoli e cosparso di gas in polvere e hanno spezzato del vetro nel suo occhio destro. In conseguenza egli presentava una ferita sul viso, molteplici contusioni sul corpo e alla testa e una infiammazione ai testicoli.

In tutte e tre queste occasioni la famiglia ha sporto denuncia, ma non è stata aperta nessuna inchiesta. Le guardie chiamate in causa tentano regolarmente di impedire o di compromettere le visite del suo avvocato
Attualmente più di 120.000 detenuti sono ammassati nelle prigioni del paese. Promiscuità, violenza, condizioni igieniche deplorevoli che favo- riscono il contagio di malattie come la tubercolosi, la lebbra , l’epatite e il virus HIV nonché la mancanza di acqua potabile e di cure sono presenti in tutti i luoghi di detenzione, cui si aggiungono maltrattamenti e torture da parte dei funzionari dell’Istituto nazionale penitenziario e carcerario-INPEC. Secondo le ONG colombiane, almeno il 20 % dei detenuti soffrirebbero di disturbi mentali più o meno collegati alle condizioni della prigionia.

Dal 29 aprile al 12 maggio 2014 in collegamento con le 10 ONG locali della Coalizione colombiana contro la tortura, l’ACAT Francia ha incontrato i detenuti delle prigioni La Picota, El Buen Pastor, La Tramacua et San Isidro. Tutti hanno raccontate le diverse torture subite. Gli autori delle torture e dei maltrattamenti hanno avuto a volte sanzioni amministrative e disciplinari, ma in pratica mai condanne penali.
Fonte:: Comitato di solidarietà con i prigionieri politici, FCSPP.

AZERBAIJAN: Persecuzione giudiziaria- Seguito del caso di settembre 2014
L’Osservatorio per la Protezione dei Difensori dei Diritti Umani (the Observatory) richiede il nostro intervento in favore di Leyla Yunus, Direttore dell’ Istituto per la Pace e la Democrazia (IPD) e membro dell’Assemblea Generale di OMCT, in detenzione preventiva per tre mesi in attesa di processo dal 30 luglio 2014, detenzione poi protratta al 28-2- 2015. Leyla Yunus è stata anche privata dell’assistenza legale dei suoi avvocati.

La decisione di ricusare l’avvocato Javad Javadov è stata presa dal tribunale il 29 ottobre in seguito all’udienza del 24 ottobre durante la quale Javadov aveva criticato pesantemente il procedimento giudiziario nei confronti della Yunus, contestato la mancanza di prove a suo carico e il prolungamento della detenzione preventiva di ben quattro mesi. Secondo Javadov, sembra che sia stato fatto riferimento anche a un suo supposto conflitto di interesse in quanto chiamato a testimoniare nel procedimento in corso. Anche il secondo avvocato è stato rimosso dall’incarico in quanto oggetto di una denuncia relativa ad informazioni passate alla stampa sui maltrattamenti subiti in prigione dalla Yunus. La pratica di chiamare come testi nel processo gli avvocati difensori per poi poterne dichiarare la incompatibilità pare una prassi abbastanza diffusa nel paese.

Contemporaneamente, anche al marito di Leyla Yunus, Arif Yunusuf, difeso dallo stesso avvocato, è stata protratta la detenzione preventiva fino a tutto febbraio 2015.
In conseguenza della campagna di odio contro Leyla Yunusuf sempre più diffusa, il direttore dell’Accademia delle Scienze ha annunciato che è in discussione la possibile revoca del titolo in quanto la sua tesi sarebbe stata un plagio.

L’Osservatorio rammenta che tutte queste decisioni sono successive alla forte mobilitazione internazionale sul caso dei due coniugi e di altri difensori dei diritti umani azeri in occasione della visita ufficiale del presidente Aliyev in Francia il 27 ottobre scorso e invita tutti a intervenire affinché vengano rispettate le libertà fondamentali nel paese
 

AttachmentSize
acat-bollettino-11-14.pdf502.06 KB
acat-lettere-11-2014.docx6.54 KB
Condividi